Alcoa lancia il cerchio LvL One

Alcoa lancia il cerchio LvL One

Alcoa lancia il cerchio LvL One. Una nuova finitura con superficie più liscia e più brillante rispetto alla versione spazzolata.

Sarà disponibile su tutte le ruote Alcoa dal secondo trimestre 2016, e si unirà alle finiture Spazzolata e Dura-Bright Evo.

Poi dalla fine del 2016 l’Alcoa cambiando anche tipo di alluminio razionalizzerà la sua produzione e avrà a listino solo 2 modelli, eliminando la versione Spazzolata.

Il nuovo alluminio Magnaforce è il 16,5 per cento più robusto del precedente e offre una riduzione di peso di quasi 3 chili su una ruota da 22,5 pollici

Alcoa leader mondiale delle ruote in alluminio forgiato ha presentato ieri in una conferenza stampa dedicata solo ai grandi allestitori nazionali di trailer e agli importatori (Multitrax) di cisterne, piani mobili, centinati e portacontainer, la nuova finitura, LvL ONE.

Come tutte le opzioni Alcoa disponibili adesso le nuove ruote in alluminio con finitura LvL One saranno fabbricate presso l’impianto in Ungheria. Le LvL, come detto, offrono significativi vantaggi agli autisti e alle flotte commerciali:

Aspetto accattivante, con una superficie più liscia e lucida rispetto alla spazzolata;

Una resistenza 5 volte superiore rispetto alle ruote in ferro, che si traduce in minor danno e tempo di inattività per riparazione;

Una leggerezza superiore del 47% e quindi una maggiore capacità di carico utile, un utilizzo a temperature inferiori ed un significativo risparmio di carburante.

 

Alcoa è leader mondiale nella produzione di alluminio primario e secondario, nonché il maggiore raffinatore di allumina e minatore di bauxite del mondo.

Oltre ad avere inventato il settore moderno dell’alluminio, l’innovazione di Alcoa ha incluso tappe fondamentali nei mercati aerospaziali, automobilistici, del confezionamento, delle costruzioni e dell’edilizia, del trasporto commerciale, dell’elettronica di consumo e dell’industria nel corso degli ultimi 125 anni.

Le soluzioni commercializzate da Alcoa comprendono prodotti laminati, estrusi in leghe dure e forgiati, nonché ruote Alcoa, sistemi di fissaggio, fusioni di precisione e a cera persa, strutture e sistemi architettonici, oltre alla propria competenza in altri metalli leggeri come super-leghe a base di titanio e nichel.

 

Qualche dato

Da 4 tonnellate di bauxite è possibile raffinare circa 2 tonnellate di allumina–un ossido di alluminio bianco in polvere. Non è facile. Occorrono una tecnologia complessa e impianti imponenti. Tuttavia Alcoa ha fatto del processo di raffinazione una vera e propria arte. E da quelle due tonnellate di allumina ne ricaviamo una di alluminio. Il processo di elettrolisi dell’alluminio è l’invenzione che ha lanciato Alcoa nel 1888.

 

Una tonnellata di alluminio è sufficiente a produrre 60.000 lattine di Coca Cola, Pepsi o Bud. Sufficiente per produrre i telai di sette autovetture. Sufficiente per produrre 40.000 dischi di memoria per computer, capaci di memorizzare tutti i libri pubblicati nel mondo. Tutto da un carico di terriccio. Sembra quasi una magia. E noi siamo orgogliosi di avere i maghi che possono farlo.

 

L’alluminio non è tutto ciò che fa Alcoa. Oltre 3 miliardi di dollari dei ricavi annuali derivano da prodotti non in alluminio. Ma il resto riguarda l’alluminio.

 

Estrazione

La bauxite è un minerale ricco di ossido di alluminio, formatosi nel corso di milioni di anni con l’erosione chimica di rocce contenenti silicati di alluminio. Fu estratto la prima volta in Francia e da allora è stato trovato in molte località di tutto il mondo. Oggi, la maggioranza delle estrazioni di bauxite si effettua nei Caraibi, in Australia e in Africa.

 

Raffinazione

Per trasformare la bauxite in allumina, maciniamo il minerale e lo mischiamo alla calce e alla soda caustica, pompiamo questa miscela in contenitori ad alta pressione e la riscaldiamo. L’ossido di alluminio che cerchiamo viene dissolto dalla soda caustica, quindi precipitato all’esterno di questa soluzione, lavato e riscaldato per eliminare l’acqua. Ciò che rimane è una polvere bianca simile allo zucchero chiamata allumina o ossido di alluminio (Al2O3).

 

Fusione

L’allumina diventa alluminio in un processo di elettrolisi conosciuto come fusione. Dissolviamo l’allumina in un bagno criolitico all’interno di ampie celle rivestite di carbone chiamate celle elettrolitiche. Quando la corrente elettrica di una certa potenza viene fatta passare attraverso il bagno, il metallo si separa dalla soluzione chimica e viene travasato a parte.

 

Fabbricazione

L’alluminio dalle celle elettrolitiche va nei forni per essere mischiato con altri metalli per formare varie leghe con proprietà specifiche create per usi particolari. Il metallo viene purificato in un processo chiamato “fluxing”, quindi versato in stampi o fuso direttamente in pani. Altre fabbricazioni possono includere stampaggio, laminazione, forgiatura, imbutitura o estrusione–alcuni dei modi in cui Alcoa e i suoi clienti creano migliaia di prodotti finiti diversi, dalle lattine per bevande alle auto e agli aviogetti.

 

Riciclaggio

Il materiale più prezioso nel flusso di rifiuti, l’alluminio offre un potente incentivo economico per la sua riciclabilità . Dei circa 100 miliardi di lattine per bevande prodotte annualmente negli USA, all’incirca i due terzi sono restituite per essere riciclate. Lo stesso vale per l’85-90% dell’alluminio delle automobili.

 

 

Numeri chiave

Fatturato 2014 circa 24 milioni di dollari

73% di tutto l’alluminio prodotto dal 1888 è ancora in uso oggi

Alluminio riciclato utilizza il 95% in meno di energia per produrre beni in alluminio

L’industria dell’alluminio ridurre le emissioni di CO2 da fabbricazione dell’86% dal 1990 al 2006, con l’obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030

L’alluminio è in grado di eliminare 30 ton di emissioni di CO2

Aumenta il carico utile di 3.300 libbre nei camion

Alcoa impiega circa 60.000 persone in 30 paesi del mondo.

 

Non mancano i nuovi grassi

Alcoa Hub grease e Alcoa Valve grease in confezioni da chilo saranno disponibili a gennaio 2016. Due grammi di grasso si utilizzano per una valvola, 1 chilo per 500.

 

Cerchio Alcoa
Cerchio Alcoa
Alcoa LvL One
Alcoa LvL One
Alcoa LvL One
Alcoa LvL One
Alcoa
Alcoa

Conferenza stampa sala Il nuovo cerchio Alcoa

Roberto Corridori Direttore marketing Italia di Alcoa
Roberto Corridori Direttore marketing Italia di Alcoa

 

Alcoa Dura Bright
Alcoa Dura Bright