CONFTRASPORTO: IL SETTORE NON CRESCE COME DOVREBBE

0
720

Presentato a Roma il rapporto semestrale dell’Osservatorio Congiunturale di Conftrasporto.

Secondo l’ultima nota congiunturale Conftrasporto, se il Trasporto è la cartina tornasole dell’Economia, i dati elaborati dall’Ufficio Studi Confcommercio e riassunti nel report, evidenziano che l’1,5% di crescita del PIL non è più un obiettivo verosimile per il 2018. La crescita del traffico di merci e persone, su tutte le modalità, è molto rallentata rispetto all’anno scorso. Tra le imprese di autotrasporto, aumentano la taglia media e le società di capitali: vediamo più nel dettaglio.

Osservatorio Trasporti

Deludenti i trend di crescita della movimentazione merci che nel primo semestre 2018 ha registrato un 2,5%, abbastanza lontano dal 3,3 dello stesso periodo 2017 e, soprattutto, dalle aspettative riposte nella ripresa economica.

Ancora peggiori le performances del trasporto passeggeri che ha fatto segnare un 1,8% contro il 4,5 dell’anno scorso. Il trasporto su strada rimane la modalità prevalente che rappresenta oltre il 60%.

I traffici merci su nave e aereo hanno subito una bella frenata, il trasporto in autostrada è molto diminuito, il ferro erode qualcosa alla gomma, ma anche qui i trend sono rallentati.

Osservatorio imprese

Nel rapporto dell’Osservatorio Congiunturale Trasporti sono stati pubblicati anche i risultati del sondaggio “Osservatorio sulle imprese di autotrasporto e logistica”, rilevazione 1° semestre, 2018.

Il sentiment delle imprese di trasporto concorda con le performance del mercato: dalla seconda parte del 2016 le attese sono stazionarie (in questo anticipano i risultati reali), ma nel complesso, la quota dei pessimisti supera la quota degli ottimisti di oltre 30 punti percentuali assoluti.

Tra difficoltà economico-finanziarie e recuperi di efficienza, cresce la taglia media delle imprese di autotrasporto, diminuisce il numero di aziende e aumenta quello società di capitali.

Richieste al Governo

A conclusione dell’esposizione dei dati, sono state presentate le proposte e le richieste dell’associazione di categoria “per un Paese più connesso e più competitivo”. I punti caldi su cui intervenire, secondo Conftrasporto, sono:

Sulle questioni di medio periodo, Conftrasporto-Confcommercio chiede di proseguire il percorso tracciato con la “cura dell’acqua” e “del ferro”, affiancando a queste la “cura della gomma” e “dell’energia”.