Ecomondo 2015

Ecomondo 2015

Ecomondo 2015. Il verde fa il pieno di pubblico e stand. Mai una edizione migliore come quella del 2015.

A rimini fiera la migliore edizione dell’esposizione sulla green economy; confermata la crescita di pubblico selezionato, pur perdendo 2 giorni di fiera (dal 2015 si chiude al venerdi sera), con 103.514 visitatori (+1,68% sul 2014. Ben 1.200 imprese protagoniste a Ecomondo, Key Energy, Key Wind, Key Energy White Evolution, Salve, e H2R Mobility for Sustainability.
La 19° edizione si conferma la fiera di riferimento per il Sud Europa e il bacino del Mediterraneo, quest´anno migliorare il record di afflusso del 2014, quando arrivò a 100mila visitatori professionali, in scia a un trend che negli ultimi cinque anni ha visto quasi raddoppiare il pubblico professionale. Motori a gas metano, compattatori e cisterne per spurghi, piani mobili, gru con polipi, ribaltabili, rimorchi per casse scarrabili, pale e sollevatori gommati sono il fulcro ‘pesante’ di un comparto che non conosce crisi. In totale la manifestazione ambientale di Rimini, arrivata alla 18° edizione, ha richiamato 101.144 visitatori. Molti gli operatori stranieri, da 86 paesi, e 350 buyer in aumento del 40%.

Ecco una prima ampia carrellata di mezzi e stand.

ADAMOLI
Ha presentato un piano mobile con il cassone in alluminio tipo Horizontal Line con pianale a 24 doghe montate in orizzontale ed elettrosaldate in continuo su entrambi i lati, da 7.800 chili di peso.

Adamoli Horizontal Line
Adamoli Horizontal Line

ALLISON
Allison fornisce da svariati anni trasmissioni completamente automatiche con convertitore di coppia. Sui veicoli a metano Allison ha una tecnologia che fornisce indubbi vantaggi dato che gli Allison cambiano tutti i rapporti senza mai diminuire la coppia, favorendo l’accelerazione. Se si pensa che i motori dei veicoli a metano sono di ciclindrate ‘più piccole’ avere un cambio che accelera senza mai perdere potenza e un convertitore che aumenta la coppia in partenza aiuta molto le prestazioni. I vantaggi di queste trasmissioni vanno dalla facilità di guida per l’autista, alla semplicità di manutenzione per le applicazioni con frequenti stop & go, siano esse raccolta rifiuti o distribuzione urbana e anche risparmio sui consumi in determinate mission.

Allison-fitted Volvo at the test-drive
Allison-fitted Volvo at the test-drive

AMS
Dal costruttore toscano le versioni aggiornate dei propri compattatori posteriori con la possibilità di viaggiare in pedana anche con sponda aperta.

AMS compattatore laterale

AUSTEP
Dato che il biometano è metano è importante trovare il modo di produrlo, oltre quello di reperirlo come combustibile fossile. In questo settore si applica da anni Austep. il biometano è una fonte energetica rinnovabile che deriva da un processo biologico. Si produce biogas e, con un processo chiamato di “upgrading”, si ottiene biometano: il combustibile così ottenuto ha caratteristiche idonee all’immissione in rete e a poter essere utilizzato per autotrazione. La nuova tecnologia permette quindi di avere un combustibile di origine biologica normalmente utilizzabile in alternativa a uno di origine fossile. Lo sviluppo di nuove tecnologie rappresenta l’impegno primario di Austep. L’impegno prosegue in tutte le attività necessarie per la realizzazione di un impianto: la progettazione, l’avvio delle pratiche autorizzative necessarie alle autorità territoriali competenti, la costruzione. L’entrata in vigore dei decreti attuativi, ha permesso ad Austep di procedere con l’autorizzazione di 4 impianti, risiedenti su territorio nazionale e con l’installazione del primo impianto presso Bosmina nella provincia di Mantova che sarà messo in funzione quest’anno.

Austep. Il container trasportabile con tutta l'attrezzatura per la trasformazione in gas metano del biogas da produzione agricola
Austep. Il container trasportabile con tutta l’attrezzatura per la trasformazione in gas metano del biogas da produzione agricola
L'impianto di Bosmina in Lombardia
L’impianto di Bosmina in Lombardia

BIOSTRADA
Spazzatrice sotto i 6 metri di lunghezza la Tec 5.2 che il costruttore piacentino riporta a Rimini. Addotta un sistema di raccolta “meccanico-aspirante” che utilizza spazzole che convogliano lo sporco pesante verso il centro della macchina, dove una spazzola centrale a rullo, ruotando in senso opposto alla direzione di marcia, lo carica su un nastro elevatore a palette a movimento meccanico, per poi scaricarlo all’interno del contenitore rifiuti. Combinando questa azione alla depressione creata nel contenitore da un potente aspiratore, costituito da una turbina ad elevata portata, si assicura il totale abbattimento delle polveri, garantendo il massimo effetto pulente sulla totalità della pista coperta dalla spazzatrice. L’aria prima di essere reimmessa nell’ambiente, viene filtrata da una batteria di filtri presente nel cassone. Questo sistema permette la raccolta di materiale anche voluminoso ad elevata velocità di spazzamento e a differenza delle spazzatrici dotate del solo sistema di aspirazione, limita fino ad abolirlo l’utilizzo dell’acqua sulle spazzole. La cabina della spazzatrice Biostrada, grazie alla presenza di cilindri idraulici sull’asse anteriore, consente di sollevare il telaio, al fine di superare agevolmente gli ostacoli presenti sulla strada (dissuasori di velocità, cordoli, tombini, etc.) senza danneggiare il sistema spazzante. Ha una larghezza di posta spazzamento che va da 1.320 mm a 3.600, con spazzola centrale, due laterali e una terza anteriore.

Biostrada. Spazzatrice stradale Tec 5.2. Ha una larghezza di posta spazzamento che va da 1.320 mm a 3.600, con spazzola centrale, due laterali e una terza anteriore
Biostrada. Spazzatrice stradale Tec 5.2. Ha una larghezza di posta spazzamento che va da 1.320 mm a 3.600, con spazzola centrale, due laterali e una terza anteriore

BOB ITALEV
Su DAF CF l’impianto scarrabile a gancio IT 26/7 MS a seconda delle varianti pesa da 2.780 kg a 2.900. Il perno è sempre alto 1.460 mm mentre il telaio da da 6 mila a 6.800 mm.

Bob Italev su DAF
Bob Italev su DAF
Bob Italev su DAF
Bob Italev su DAF

CAPPELLOTTO
Dopo la ‘timida ’uscita della 17° edizione, due anni fa il costruttore veneto ha fatto le cose in grande e ha esposto una ricca gamma dei propri mezzi dedicati al trattamento delle acque. Fra cui su Scania svettavano la Caprecy 3200 da 11,7 m3 di cisterna per fanghi, con pompa Hibon Siav 840 da 6.500 mc/h (Ssu Scania 32 ton Mmt, R 580 LB 8×2 CR16 ): la Capbora 3200 Atex su Scania R730 CB 8×4 HHZ da 12 m3, la Capcombi 1600 su Iveco da 3,7 m3 e la Capcombi 2600 Adr da 12 m3.

Cappellotto
Cappellotto

 

Cappellotto
Cappellotto
Cappellotto
Cappellotto
Cappellotto
Cappellotto

 

Cappellotto
Cappellotto

 

CATERPILLAR
Ha portato a Rimini il movimentatore gommato MH3037 da 225 Cavalli e una altezza massima al perno di 17,7 mm. Pesa 39.500 chili. Ha il carro asimmetrico a 4 stabilizzatori. Oltre a una pala gommata tipo 926M da 155 Cavalli, peso operativo di 13.050 chili.Ha il braccio a ‘Z’ per un sollevamento parallelo dei carichi. Non mancava il trituratore monoalbero elettrico a trazione diretta a cinghia Terminatori 220 da 132 kW di potenza e 20 ton/h di rendimento.

Caterpillar
Caterpillar
Caterpillar
Caterpillar

DAF
Prima romagnola per DAF, che anche nell’ambito del waste vuole imporre i propri medi per potenziare la vendita dei carri, settore in cui da diversi anni si sta impegnando per allargare le proprie quote. In questo caso un LF Fa 4×2 con cabina Day Cab e interasse di 4.800 mm da 16 mila kg di Mtt. Ideale per ogni trasformazione in ambito di raccolta e gestione dei rifiuti. Si innesta anche questa versione, come la mission, nel programma Daf Transport efficiency, che vuole assicurare 5 obiettivi per gli utilizzatori: minori consumi di carburate, maggiore uso del mezzo, meno costi di esercizio, maggiore ritorno per chilometro e minore impatto ambientale.

DAF lo stand a Ecomondo
DAF lo stand a Ecomondo
DAF lo stand a Ecomondo
DAF lo stand a Ecomondo
DAF lo stand a Ecomondo
DAF lo stand a Ecomondo
Particolare del telaio del DAF LF
Particolare del telaio del DAF LF

DULEVO
Due nuove spazzatrici, la 3000 e la 6000, che sostituiscono rispettivamente la 2000 e la 5000. Hanno nuovi motori euro 6 e velocità su strada portata a 40 km/h. La prima, la 3000, apre un nuovo comparto da 3 mq di volume con 380 litri di capacità di acqua pulita. La seconda monta un innovativo sistema di telecamere di sorveglianza area a 360 gradi.

Dulevo
Dulevo 6000
Dulevo
Dulevo

 

EMILIANA SERBATOI
Ha portato tutta la gamma di serbatoi e attrezzature per lo stoccaggio di carburanti, lubrificanti e ADblue, fra cui il nuovo sistema di controllo remoto dei pieni Emilprobe. Si monitora anche da un cellulare.

FARID
Ha esposto la propria soluzione per il carico automatizzato Dulesystem con gru bilaterale Alpa 12 carrato su Volvo FE 320 Hp 62. Ha una capacità di 20 m3, e lo ha affiancato a un compattatore laterale tipo Fmo 26 su Iveco da 26 metri cubi.

Farid
Farid
Farid
Farid
Farid
Farid

GMF
L’allestitore piemontese presenta a Ecomondo il nuovo semirimorchio Mercurio in acciaio antiusura con profili in acciaio anti snervamento, pareti da 4 mm e fondo da 5. Ha i portelloni a libro e a bandiera a tenuta stagna. Si carra su un telaio Cardi a 3 assi. Pesa se da 41 mc 10 ton, se da 65 ton 13,5. Quindi con la cassa da 7.500 mm a 11.500.

semirimorchio Mercurio in acciaio antiusura con profili in acciaio anti snervamento, pareti da 4 mm e fondo da 5.
Semirimorchio Mercurio in acciaio antiusura con profili in acciaio anti snervamento, pareti da 4 mm e fondo da 5.

ISUZU
Dal costruttore giapponese le versioni Euro 6 specifiche per piccoli compattatori della gamma L, N, M e P. Con cabine Easy o Confort o Doppia e con motori da 120, 150 e 190 Cavalli, con cambi manuali o Nees II.

Isuzu
Isuzu
Isuzu
Isuzu

IVECO
Iveco presenta in anteprima internazionale il Nuovo Daily Elettric. 100% elettrico a emissioni zero che garantisce la massima sostenibilità, alti livelli di affidabilità e si adatta perfettamente alle più comuni missioni in ambito urbano, come la distribuzione porta a porta e il trasporto urbano di persone. Grazie all’utilizzo di ausiliari elettrici ad alta efficienza e dal peso contenuto, il consumo di energia è ridotto, la durata delle batterie è superiore del 20% e la portata utile è aumentata di circa 100 kg. Le prestazioni delle batterie, riciclabili al 100%, sono ottimizzate in tutte le condizioni ambientali e di temperatura. Inoltre, grazie alla modalità di ricarica flessibile, brevettata da Iveco, è possibile ricaricarle sia in ambito pubblico sia privato, collegandosi a una stazione di ricarica rapida, con un tempo medio di ricarica di sole due ore.
Il veicolo è best-in-class per efficienza e garantisce un’autonomia, misurata secondo ciclo di omologazione NEDC, che può arrivare fino a 280 km, ottenuta in configurazione con 3 batterie.
Il veicolo offre inoltre la possibilità di selezionare 2 modalità di guida, Eco e Power: in modalità Eco, la coppia motore è gestita in modo da minimizzare il consumo energetico, senza alcuna limitazione sulla velocità massima. In modalità Power, il conducente può disporre della piena prestazione del motore elettrico di trazione. Una novità di rilievo è la funzione Regenerative Braking che consente di selezionare anche durante la marcia differenti modalità di gestione della frenatura del veicolo. In funzione delle caratteristiche del tracciato e delle condizioni di traffico, il guidatore può selezionare in modo dinamico la modalità di frenata più opportuna per minimizzare il consumo energetico, mantenendo un livello ottimale di guidabilità. L’elettrico porta con sè lagamma più ricca del mercato per le versioni furgone e cabinato, fino a 5,6 ton di peso totale a terra e fino a un volume di carico di 19,6 m3. Inoltre è silenzioso, caratteristica che contribuisce alla riduzione dell’inquinamento acustico e che lo rende ideale per le consegne notturne nelle aree urbane. Il veicolo è infine dotato di serie di un nuovo sistema di segnalazione acustica per i pedoni, attivato in modo automatico da 0 a 30 km/h. Al suo interno, il Daily Elettric è dotato di tablet da 7’’ rimovibile e di un quadro strumenti elettronico dedicato al monitoraggio dati del veicolo. L’eccellente tecnologia di navigazione è garantita da TomTom Bridge per Iveco.

Grazie all’utilizzo di ausiliari elettrici ad alta efficienza e dal peso contenuto, il consumo di energia è ridotto, la durata delle batterie è superiore del 20% e la portata utile è aumentata di circa 100 kg. Le prestazioni delle batterie, riciclabili al 100%, sono ottimizzate in tutte le condizioni ambientali e di temperatura.  Inoltre, grazie alla modalità di ricarica flessibile, brevettata da Iveco, è possibile ricaricarle sia in ambito pubblico sia privato, collegandosi a una stazione di ricarica rapida, con un tempo medio di ricarica di sole due ore.
Grazie all’utilizzo di ausiliari elettrici ad alta efficienza e dal peso contenuto, il consumo di energia è ridotto, la durata delle batterie è superiore del 20% e la portata utile è aumentata di circa 100 kg. Le prestazioni delle batterie, riciclabili al 100%, sono ottimizzate in tutte le condizioni ambientali e di temperatura. Inoltre, grazie alla modalità di ricarica flessibile, brevettata da Iveco, è possibile ricaricarle sia in ambito pubblico sia privato, collegandosi a una stazione di ricarica rapida, con un tempo medio di ricarica di sole due ore.
Grazie all’utilizzo di ausiliari elettrici ad alta efficienza e dal peso contenuto, il consumo di energia è ridotto, la durata delle batterie è superiore del 20% e la portata utile è aumentata di circa 100 kg. Le prestazioni delle batterie, riciclabili al 100%, sono ottimizzate in tutte le condizioni ambientali e di temperatura.  Inoltre, grazie alla modalità di ricarica flessibile, brevettata da Iveco, è possibile ricaricarle sia in ambito pubblico sia privato, collegandosi a una stazione di ricarica rapida, con un tempo medio di ricarica di sole due ore.
Grazie all’utilizzo di ausiliari elettrici ad alta efficienza e dal peso contenuto, il consumo di energia è ridotto, la durata delle batterie è superiore del 20% e la portata utile è aumentata di circa 100 kg. Le prestazioni delle batterie, riciclabili al 100%, sono ottimizzate in tutte le condizioni ambientali e di temperatura. Inoltre, grazie alla modalità di ricarica flessibile, brevettata da Iveco, è possibile ricaricarle sia in ambito pubblico sia privato, collegandosi a una stazione di ricarica rapida, con un tempo medio di ricarica di sole due ore.
Lo stand Iveco a Ecomondo
Lo stand Iveco a Ecomondo

DSC_0695

JCB
JCB da alcuni anni ha sviluppato una gamma di macchine con caratteristiche di versatilità e allestimenti dedicati, chiamata Wastemaster, che ne esaltano prestazioni e produttività nelle applicazioni della raccolta e riciclaggio dei rifiuti. Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4×4. Il movimentatore di materiali JS20 MH è da 20 ton con carro completamente riprogettato e telaio con una torretta di rotazione in posizione centrale che offre una maggiore stabilità a 360º gradi rispetto ai tradizionali escavatori cingolati. È alimentato da un motore da 97 kW e dotato di un braccio diritto di 5,7 mt. Altra novità della gamma è la terna 5CX Wastemaster, dotata del motore JCB EcoMAX da 81 kW), comprende innovazioni quali l’Advanced EasyControl e il cambio Powershift a 4 velocità con sistema TorqueLock. Chiude il tris di novità JCB Wastemaster la pala gommata 457 WM, un modello caratterizzato dal design completamente rinnovato: nella cabina, nel cofano motore e nel contrappeso posteriore. Monta un motore diesel MTU in Tier 4 Final/Stage IV. Oltre a fornire potenza e garantire prestazioni, il nuovo motore contribuisce a un massiccio risparmio di carburante di circa il 16% rispetto al modello precedente. La pala 457 WM è tra le prime macchine JCB di nuova generazione a montare la cabina JCB CommandPlus, costruita direttamente ‘in home’. La struttura ROPS è nuova, con i montanti che sono stati spostati verso la parte posteriore della cabina, fornendo un interno più grande con un parabrezza panoramico dall’ampia visibilità.

Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4x4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4×4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4x4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4×4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4x4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4×4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4x4.
Tra le novità più recenti della gamma, il movimentatore JS20 MH, la terna 5CX WM e la pala gommata 457 WM Tier 4 Final. Tra i modelli più interessanti della gamma, inoltre, vale la pena citare il movimentatore telescopico 550-80 WM, la minipala cingolata 260T WM, e il carrello elevatore con braccio telescopico Teletruk 35D 4×4.

KNAPEN
Sempre tramite il rappresentante italiano Gianni Oprandi gli altri olandesi dei piani mobili. In fiera con il K100/K200 da 100 m3 di volume intero. Knapen Trailers fornisce due varianti: la variante full-leakproof completamente a tenuta stagna. Adatto nel caso in cui si devono trasportare spesso dei prodotti che non devono entrare in contatto con il manto stradale. Se si trasporta saltuariamente dei prodotti che non devono gocciolare, allora la versione semi-leakproof rappresenta una variante più economica. Quest’ultima raccoglie l’umido che gocciola in una vasca di raccolta. Il modello esposto aveva la testata anteriore con passerella allargata e il copri-telo Powersheet che si richiude in 30 secondi.

DSC_0704 DSC_0705

In fiera con il K100/K200 da 100 m3 di volume intero. Knapen Trailers fornisce due varianti: la variante full-leakproof completamente a tenuta stagna. Adatto nel caso in cui si devono trasportare spesso dei prodotti che non devono entrare in contatto con il manto stradale
In fiera con il K100/K200 da 100 m3 di volume intero. Knapen Trailers fornisce due varianti: la variante full-leakproof completamente a tenuta stagna. Adatto nel caso in cui si devono trasportare spesso dei prodotti che non devono entrare in contatto con il manto stradale

KOMATSU
Non mancano i giapponesi a Ecomondo, fra i tanti da Komatsu la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.

la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.
la nuova pala gommata Wa 207-7 da 115 kW. Ha un peso operativo da 13.100 kg, una capacità della benna di 2,5 m3, una altezza al perno di 3.965 mm e una altezza massima di scarico di 6.600. ad accompagnarla l’escavatore cingolato Hb215Lc-2 da 110 kW, peso di 23.440 kg, capacità benna da 0,80 a 1,68 m3 e una profondità di scavo di 6.620 mm.

KRAKER
Anteprima italiana per il piano mobile Kraker importato dalla Multitrax. È il primo tutto porte con 2 aperture da 6,2 mt, laterale venduto in Italia. Cuba 90 mq. Ha centina con sistema idromeccanico di sollevamento lato porte di 30 cm. Monta 12 coppie annegate nel pianale.

È il primo tutto porte con 2 aperture da 6,2 mt, laterale venduto in Italia. Cuba 90 mq. Ha centina con sistema idromeccanico di sollevamento lato porte di 30 cm. Monta 12 coppie annegate nel pianale.
È il primo tutto porte con 2 aperture da 6,2 mt, laterale venduto in Italia. Cuba 90 mq. Ha centina con sistema idromeccanico di sollevamento lato porte di 30 cm. Monta 12 coppie annegate nel pianale.
DSC_0632
È il primo tutto porte con 2 aperture da 6,2 mt, laterale venduto in Italia. Cuba 90 mq. Ha centina con sistema idromeccanico di sollevamento lato porte di 30 cm. Monta 12 coppie annegate nel pianale.

DSC_0620 DSC_0631

 

LIEBHERR
In mostra con la pala cingolata L636 da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.

 

 

In mostra con la pala cingolata L636  da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636 da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636  da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636 da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636  da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636 da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636  da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.
In mostra con la pala cingolata L636 da 22.180 chili di tara, la benna da 3,30 m3, e un motore da 184 Cavalli. Accanto la macchina industriale LH30M da 140 Cavalli, 31.900 chili di tara e polipo da 0,60 m3 di volume.

LONGO
Come sempre molto esteso lo stand dell’allestitore pugliese. In primo piano su Volvo Fh 13 8×2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”. Fra le piccole attrezzature la Minicombinata da 35 quintali da 2.100 litri (1.050 +1.050). Monta un decompressore da 4.500 l/m.

In primo piano su Volvo Fh 13 8x2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira  con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”.
In primo piano su Volvo Fh 13 8×2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”.
In primo piano su Volvo Fh 13 8x2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira  con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”.
In primo piano su Volvo Fh 13 8×2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”.
In primo piano su Volvo Fh 13 8x2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira  con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”.
In primo piano su Volvo Fh 13 8×2 R da 25.500 mila chili di peso (32 mila a pieno carico) l’aspiratore secco e per liquidi Scavaspira con cassone ribaltabile in Hardox. Ha una pompa per l’acqua da 135 l/m a 300 bar, una capacità del serbatoio dell’acqua da 4 mila litri e un sistema di filtrazione dell’aria aspirata a con 40 cartucce lavabili. Naspo da 80 metri da ½”.
Fra le piccole attrezzature la Minicombinata da 35 quintali da 2.100 litri (1.050 +1.050). Monta un decompressore da 4.500 l/m.
Fra le piccole attrezzature la Minicombinata da 35 quintali da 2.100 litri (1.050 +1.050). Monta un decompressore da 4.500 l/m.

MAZZOCCHIA
Dal costruttore romano in fiera i posteriori Ministar B, costipatori posteriori da 3,5 m3 (su Piaggio Maxxi) fino a 8 m3 su telai da più di 5 ton e i compattatori posteriori da 3,5 m3 a 50, Mac 2B; Mac 1, Dual e SmrMac.

in fiera i posteriori Ministar B, costipatori posteriori da 3,5 m3 (su Piaggio Maxxi) fino a 8 m3 su telai da più di 5 ton e i compattatori posteriori da 3,5 m3 a 50, Mac 2B; Mac 1, Dual e SmrMac.
in fiera i posteriori Ministar B, costipatori posteriori da 3,5 m3 (su Piaggio Maxxi) fino a 8 m3 su telai da più di 5 ton e i compattatori posteriori da 3,5 m3 a 50, Mac 2B; Mac 1, Dual e SmrMac.
in fiera i posteriori Ministar B, costipatori posteriori da 3,5 m3 (su Piaggio Maxxi) fino a 8 m3 su telai da più di 5 ton e i compattatori posteriori da 3,5 m3 a 50, Mac 2B; Mac 1, Dual e SmrMac.
in fiera i posteriori Ministar B, costipatori posteriori da 3,5 m3 (su Piaggio Maxxi) fino a 8 m3 su telai da più di 5 ton e i compattatori posteriori da 3,5 m3 a 50, Mac 2B; Mac 1, Dual e SmrMac.

MENCI
In fiera con 3 allestimenti: vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.

vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.
vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.
vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.
vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.
vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.
vasca ribaltabile in alluminio tipo SL 105 R da 46,6 mq di volume; telaio portacontainer allungabile Zorzi 38 S 136 Ev da 5,8 ton di tara, è lungo 9.013 mm da chiuso ed è idoneo al carico dai 20 piedi all 45 ‘ o 13,60 cassa mobile, e piano mobile autoportante da 92 m3 tipo SM 136 A da 14.025 mm di lunghezza fuori tutto.

 

MERCEDES
Come al solito la Stella non ha mancato l’appuntamento riminese e ha esposto l’Econic NGT a metano a cabina ribassata, che offre 2 cabine fino a 4 posti, 2 o 3 assi, un peso totale a terra da 18 a 26 ton. Ha passi da 3.450, 3.900, 4.200, 4.500 e 5.100 mm e motorizzazioni da 238 a 326 Cv. Monta un cambio automatico Allison a 6 velocità con retarder in optional. Accanto al mezzo dedicato alla raccolta dei rifiuti e in generale al waste, però, anche e il nuovo Fuso Canter Eco Hybrid euro 5+, ibrido che fa risparmiare fino al 23% di carburante. È dotato di un turbodiesel a 4 cilindri con cilindrata di 3 l, potenza di 150 CV e coppia massima di 370 Nm e un motore elettrico con una potenza di 40 kW e una coppia massima di 200 Nm. l’Atego con spazzatrice disponibile con motorizzazioni da 180 CV (OM 934) e 240 CV (OM 936) di potenza massima, il nuovo Vito e il sempre verde Unimog. Con i due modelli base U 216 e U 218 che montano motori euro 6 BlueEfficiency Power a 4 cilindri (OM 934) con potenze da 156 CV.

il nuovo Fuso Canter Eco Hybrid euro 5+, ibrido che fa risparmiare fino al 23% di carburante. È dotato di un turbodiesel a 4 cilindri con cilindrata di 3 l, potenza di 150 CV e coppia massima di 370 Nm e un motore elettrico con una potenza di 40 kW e una coppia massima di 200 Nm
il nuovo Fuso Canter Eco Hybrid euro 5+, ibrido che fa risparmiare fino al 23% di carburante. È dotato di un turbodiesel a 4 cilindri con cilindrata di 3 l, potenza di 150 CV e coppia massima di 370 Nm e un motore elettrico con una potenza di 40 kW e una coppia massima di 200 Nm
l’Econic NGT a metano a cabina ribassata, che offre 2 cabine fino a 4 posti, 2 o 3 assi, un peso totale a terra da 18 a 26 ton. Ha passi da 3.450, 3.900, 4.200, 4.500 e 5.100 mm e motorizzazioni da 238 a 326 Cv. Monta un cambio automatico Allison a 6 velocità con retarder in optional
l’Econic NGT a metano a cabina ribassata, che offre 2 cabine fino a 4 posti, 2 o 3 assi, un peso totale a terra da 18 a 26 ton. Ha passi da 3.450, 3.900, 4.200, 4.500 e 5.100 mm e motorizzazioni da 238 a 326 Cv. Monta un cambio automatico Allison a 6 velocità con retarder in optional

MANITOU

I sollevatori francesi dedicati anche al waste, oltre che al comparto agricolo e edilizio, erano ben rappresentati dal classico MRT 2150-Priv.+ con una altezza massima di sollevamento di 20,60 mt, una portata di 4.900 kg con forche. Uno sbraccio massimo di 18,10 e una altezza massima con cestello di 32,20 mt. «La sua particolarità», spiega il capo ufficio stampa Manitou Carlo Alberto Razzoli, «è la possibilità di montare un cestello da 700/1.000 kg di portata o 3 persone, profondo 2 metri, largo 2,5 e con 1 accesso frontale da 1,75 mt e 2 laterali da 1 metro. Così da potere muovere facilmente le lastre di amianto nelle operazioni di bonifiche delle coperture industriali». Lo muove un motore da 150 Cv in Tier III.

I sollevatori francesi dedicati anche al waste, oltre che al comparto agricolo e edilizio, erano ben rappresentati dal classico MRT 2150-Priv.+ con una altezza massima di sollevamento di 20,60 mt, una portata di 4.900 kg con forche. Uno sbraccio massimo di 18,10 e una altezza massima con cestello di 32,20 mt. «La sua particolarità», spiega il capo ufficio stampa Manitou Carlo Alberto Razzoli, «è la possibilità di montare un cestello da 700/1.000 kg di portata o 3 persone, profondo 2 metri, largo 2,5 e con 1 accesso frontale da 1,75 mt e 2 laterali da 1 metro. Così da potere muovere facilmente le lastre di amianto nelle operazioni di bonifiche delle coperture industriali». Lo muove un motore da 150 Cv in Tier III.

I sollevatori francesi dedicati anche al waste, oltre che al comparto agricolo e edilizio, erano ben rappresentati dal classico MRT 2150-Priv.+ con una altezza massima di sollevamento di 20,60 mt, una portata di 4.900 kg con forche. Uno sbraccio massimo di 18,10 e una altezza massima con cestello di 32,20 mt. «La sua particolarità», spiega il capo ufficio stampa Manitou Carlo Alberto Razzoli, «è la possibilità di montare un cestello da 700/1.000 kg di portata o 3 persone, profondo 2 metri, largo 2,5 e con 1 accesso frontale da 1,75 mt e 2 laterali da 1 metro. Così da potere muovere facilmente le lastre di amianto nelle operazioni di bonifiche delle coperture industriali». Lo muove un motore da 150 Cv in Tier III.

I sollevatori francesi dedicati anche al waste, oltre che al comparto agricolo e edilizio, erano ben rappresentati dal classico MRT 2150-Priv.+ con una altezza massima di sollevamento di 20,60 mt, una portata di 4.900 kg con forche. Uno sbraccio massimo di 18,10 e una altezza massima con cestello di 32,20 mt. «La sua particolarità», spiega il capo ufficio stampa Manitou Carlo Alberto Razzoli, «è la possibilità di montare un cestello da 700/1.000 kg di portata o 3 persone, profondo 2 metri, largo 2,5 e con 1 accesso frontale da 1,75 mt e 2 laterali da 1 metro. Così da potere muovere facilmente le lastre di amianto nelle operazioni di bonifiche delle coperture industriali». Lo muove un motore da 150 Cv in Tier III.
I sollevatori francesi dedicati anche al waste, oltre che al comparto agricolo e edilizio, erano ben rappresentati dal classico MRT 2150-Priv.+ con una altezza massima di sollevamento di 20,60 mt, una portata di 4.900 kg con forche. Uno sbraccio massimo di 18,10 e una altezza massima con cestello di 32,20 mt. «La sua particolarità», spiega il capo ufficio stampa Manitou Carlo Alberto Razzoli, «è la possibilità di montare un cestello da 700/1.000 kg di portata o 3 persone, profondo 2 metri, largo 2,5 e con 1 accesso frontale da 1,75 mt e 2 laterali da 1 metro. Così da potere muovere facilmente le lastre di amianto nelle operazioni di bonifiche delle coperture industriali». Lo muove un motore da 150 Cv in Tier III.

MERLO

«Ha fortemente voluto identificare lo spazio a Ecomondo con l’abbinamento dei due brand di Casa, i sollevatori e i compattatori della parte Tecno», spiega Costantino Radis, capo ufficio stampa del Gruppo piemontese. Quindi al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.

al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.
al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.
al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.
al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.
al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.
al centro dello stand il TF 33.9 120 da 8,6 mt di sollevamento, sbraccio di 5,7 e portata di 3.300 kg. Pesa 6.700 kg ed è mosso da un Deutz da 122 Cv, affiancato dal nuovo compattatore Lato su Isuzu. Un laterale da 8 m3 di volume (rapporto di compattazione fino a 4:1). Ha una capacità di sollevamento del braccio di 550 kg, una portata utile legale di 2.500 e una pressione di lavoro fino a 180 bar.

MORO
Tre i mezzi esposti a Rimini dall’allestitore. La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.

La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.
La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.
La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.
La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.
La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.
La combinata CityCycler con sistema di controllo Kaisertronic e impianto di riciclo Rotomax con barra di pulizia addizionale del filtro. Braccio di aspirazione Ksr 60 da 4 pollici da mille, litri di acqua pulita. La combinata Elegance modello Sv11E da 10.600 litri di fanghi e 3.100 litri di acqua e il Tornado con i serbatoi laterali da 5 mila litri in polietilene.