Lamberet al Transpotec

Lamberet al Transpotec

Lamberet al Transpotec Lamberet al Transpotec

LAMBERET SAS - Siege

Molte le novità del costruttore francese Lamberet nell’ambito degli allestimenti isotermici
che punta a consolidare la storica leadership nel segmento dei semirimorchi refrigerati
e a incrementare la quota di mercato nei camion e veicoli commerciali leggeri.

Al Transpotec 2017, la manifestazione fieristica internazionale dedicata all’autotrasporto e alla logistica, in programma alla Fiera di Verona dal 22 al 25 febbraio, Lamberet S.p.A., la filiale italiana del gruppo leader in Francia e terzo in Europa nel trasporto a temperatura controllata, presenta molte novità che andranno in onda nei quattro giorni di manifestazione sui due maxi schermi allestiti all’interno dello stand Lamberet (pad. 9V stand C14.12).

Le novità dei programmi 2017 di Lamberet partono dalla nuova fabbrica di Saint Eusèbe (100mila mq di cui 15 mila coperti) che, dopo l’inaugurazione avvenuta lo scorso anno, entra quest’anno a pieno regime per l’allestimento e la coibentazione dei veicoli commerciali leggeri e che si affianca ai 210mila mq dello storico sito di Saint Cyr-sur-Menthon, che opererà d’ora in avanti solo per i semirimorchi.

«La riorganizzazione dei siti produttivi – spiega Antonello Serafini, direttore commerciale di Lamberet S.p.A. – si è resa ancora più necessaria in questi ultimi tempi, a seguito sia della continua evoluzione del prodotto che mira a rispondere alle richieste sempre più esigenti del mercato sia della gamma molto ampia (da 1 a 100 m3) che siamo in grado di offrire, lavorando con tutti i principali brand di veicoli leggeri e autocarri esistenti sul mercato italiano.»
«Se gettiamo un occhio alle novità nei semirimorchi generate da questa riorganizzazione – continua Serafini – ne troviamo diverse a partire dalla gamma SR2 X-City da 24-27-33 pallets per la distribuzione urbana, fino all’SR2 Rail-Road specifico per il trasporto intermodale strada + rotaia, passando per l’ensemble Zero Petrolio, che punta alla sostenibilità ambientale in modo sempre più deciso».

Il freddo arriva nel cuore delle città

I semirimorchi frigoriferi della gamma X-City rappresentano la risposta ideale alle sfide della distribuzione urbana. Si caratterizzano infatti per una maneggevolezza ottimizzata, un ridotto consumo di carburante e un minore slittamento dei pneumatici, grazie al telaio che integra una tecnologia di assi sterzanti inedita, con cavi e torrette di virata «X-Steering» e dimensioni adatte a ogni vincolo di ingombro. La gamma è infatti disponibile nelle versioni tandem 24 e 27 pallet, perfetti per sostituire dei porteur in città, con, rispettivamente, soltanto 10.10 e 11.30 m di lunghezza complessiva per 23t e 25t di PTAC; e nella versione 33 pallet, con uno o due assi sterzanti, per operare su strade regionali.

La gamme X-City è dotata inoltre del sistema di tende automatiche innovative Distri+ che assicura apertura e chiusura delle porte in 10 secondi, garantendo la sicurezza delle merci e un migliore rispetto della catena del freddo in fase di distribuzione. Permette di preservare la zona di carico dall’entrata dell’aria calda e umida. Il suo sistema 100% pneumatico è totalmente silenzioso e preserva l’operatore da eventuali guasti elettrici o elettronici. Infine, grazie al miglior rapporto altezza complessiva / altezza di utilizzo in qualsiasi circostanza, permette di beneficiare di veicoli la cui altezza complessiva è adatta alle sue consegne cittadine.

Il meglio del freddo sui binari

Specifico per il trasporto intermodale, invece, è l’SR2 Rail-Road, il semi-rimorchio frigorifero «rotabile», che soddisfa la norma UIC 596-5 per il trasporto non accompagnato sui vagoni ferroviari con codifica P.
Combina infatti i vantaggi di un semirimorchio SR2 su strada – aerodinamica, isolamento ed ergonomia all’avanguardia – all’economia e all’ecologia del binario elettrificato.

Il futuro a Zero Petrolio

Infine, Zero Petrolio, la tecnologia che inaugura la nascita di una filiera 100% ecologica adatta alla grande distribuzione nelle zone urbane, con furgonature isotermiche di ultima generazione, caratterizzate da sistemi di refrigerazione criogenica. Motrici di piccola portata (a partire da 12t), motrici di grossa portata e semirimorchi, in mono e multi temperatura: un’offerta interamente standardizzata e industrializzata, la più ampia sul mercato per il sistema ad azoto indiretto.

La logistica dell’ultimo miglio

L’offerta isotermica di Lamberet si completa con i veicoli commerciali leggeri dedicati alle consegne porta-a-porta di alimentari e prodotti freschi e al trasporto dei farmaci. «Il 2016 – prosegue Serafini – è stato un anno importante che ha registrato un volume complessivo di vendite di 1.250 unità, tra veicoli leggeri e pesanti, e che segna un incremento del 35% rispetto al 2015. Per l’anno in corso le stime degli economisti parlano di una crescita del mercato meno dimensionata, nell’ordine del 5%. Obiettivo di Lamberet è crescere il doppio del mercato, mettendo a segno un incremento nei volumi del 10% puntando soprattutto al segmento dei VLC grazie agli accordi in essere sia con le principali case costruttrici che con alcune società di noleggio a medio e lungo termine”. E l’implementazione del sito di Saint Eusèbe è una chiara testimonianza di questa strategia.

Tra le “novità di prodotto”, il Transpotec è la vetrina scelta da Lamberet per presentare ufficialmente e in anteprima:

• il Truck Lab, un prototipo di veicolo studiato per il mercato francese che prevede un allestimento isotermico integrato al veicolo in modo che non ci sia discontinuità tra mezzo e allestimento e con l’unità refrigerante anch’essa integrata. Questo prototipo dimostra lo sforzo che Lamberet fa per essere sempre all’avanguardia nel settore
• la nuova coibentazione Lamberet in categoria FRCX per l’Iveco Daily. Le caratteristiche principali di questo nuovo prodotto del gruppo francese sono l’alto isolamento termico, che consente di avere il veicolo con porta laterale di serie e senza ausilio di porta supplementare di contenimento per una temperatura interna di – 20°C, sommato alla proverbiale qualità e rifinitura Lamberet. Una garanzia di sicurezza e durata nel tempo.