MAN TGX18.480

La prova su strada del MAN TGX18.480 Euro 6. Bassi consumi grazie anche al rapporto finale lunghissimo: 2,71. Da sempre la casa del leone, come si definisce la MAN  cerca di soddisfare la propria clientela con versioni e modelli creati, grazie alla modularità, su misura, in questo caso però, dopo l’EfficentLine (che da noi era da 480 CV invece di 400 o 440) arriva un Euro 6 du stampo europeo. Dotato del sei cilindri (il noto D 26) da dodici litri e mezzo ha caratteristiche analoghe a quelle dei TGX Efficent Line, sia pure con le differenze del catalizzatore e delle gestione motore rispetto agli EfficentLine, sia pure con qualche differenza. Nuovo l’alternatore da 120 A (che si parzializza), nuovo il sistema APM di gestione dell’aria compressa che disinserisce il compressore. Ci sono poi delle luci diurne (conformi alla norma ECE-R87) che hanno un consumo inferiore agli anabbaglianti tradizionali: circa un quarto. I proiettori principali sono allo Xeno. Le luci di posizione sono a led. Insomma si è ben messa a frutto l’esperienza dell’EfficentLine.

Esteticamente la prima cosa che salta all’occhio (per contenere i vortici e migliorare il Cx) è l’assenza del parasole che non è disponibile neppure come opzione. Non sono disponibili anche gli avvisatori acustici sul tetto, che oltre a “consumare” aria compressa, creano non pochi vortici aerodinamici. Insomma una macchina fatta per essere dolce e filante e… come diciamo a parte, silenziosissima.

MAN TGX18.480 Euro 6
MAN TGX18.480 Euro 6

Per quel che riguarda gli interni “Semplicità” è la parola d’ordine: è vero che il grigio su grigio può apparire noioso, ma sicuramente insieme all’Actros e al nuovo FH (Truck of the Year) il MAN è uno dei veicoli con meno riflessi sulla plancia, prova ne sia la foto scattata della plancia è quasi in piena luce (solitamente occorre tirare le tendine) proprio come facemmo per l’EfficentLine. Salendo si nota subito la copertura degli scalini (estetica e aerodinamica), all’interno è evidente la qualità dei materiali e delle plastiche usate. Nessuno scricchiolio anche sul poco sconnesso percorso. Ben visibile il navigatore a destra. Forse un po’ bassi i pulsanti di servizio, ma quelli del volante, cambio e frenature, oltre ai vari sistemi di sicurezza (ESP, ACC, LGS, EBA. CDC. TPM… inutile parlare delle sigle che ormai tutti conosciamo, ricordiamo solo che a breve il TPM, il monitoraggio pressione gomme, sarà obbligatorio sulle vetture e poi sui veicoli industriali). I vani sono molti e ampi, sono una delle caratteristiche delle cabine XXL, insieme all’ampio frigo e addirittura ai cestini per l’immondizia (due) sotto il letto.

I cassetti della plancia sono standard e ambedue contengono materiale A4 o anche un laptop da 15”. I vani in alto sono grandi e profondi; tutto è ampiamente sufficiente per due persone, anche per periodi non brevi. Nonostante il doppio letto il comfort è notevole e probabilmente la stessa struttura a due letti è ottima e contribuisce a smorzare il rumori interni. Il sedile del guidatore è un ISRI climatizzato, tra i migliori disponibili. Nonostante i due posti tutto è in linea con le scelte di leggerezza (cambio, cerchi, eccetera, serbatoio aria).

MAN TGX18.480 Euro 6. Il posto di guida
Il posto di guida del MAN TGX18.480 Euro 6

MAN TGX18.480 Euro 6 MAN TGX18.480 Euro 6 MAN TGX18.480 Euro 6. La Plancia

Con un rapporto di riduzione finale di 2,71 a 88 km/h il motore gira a 1.290 giri/min, un risultato eccellente proprio dove il consumo specifico è più basso. Nell’uso autostradale poi gli intervalli di manutenzione sono portati a circa 120.000 km. Insomma un veicolo concepito per costare il meno possibile in fase di esercizio, e visti i momenti questo è senza dubbio da apprezzare.

Una piccola digressione merita il rapporto finale: 2,71 con una coppia massima a già a 930 giri… forse, viaggiandoci, ci si rende conto che si poteva anche andare oltre (2,65?). Lo scopo è naturalmente quello di avere circa 500 giri utili per le merce in zona verde e quindi cambiare il meno possibile “saltabeccando” qui e là… al di la della partenza in marce bassissime (per evitare il surriscaldamento frizione) è evidente coma anche solo in lieve discesa, ma anche in pianura il sistema di bordo salti una o anche due marce… se si è vuoti anche tre. Secondo la logica tipica di questi mezzi… meno si cambia meno si consuma.Due cose stupiscono in modo particolare, la prima è senza dubbio la sielziosità. Il MAN D26, anche in questa versione Euro 6 è silenziosissimo anche in tiuro, merito di una adeguata insonorizzazione del pavimento, ma anche di una certa “cupezza” nel sound del motore, che da veramente poco fastidio. L’assenza dello spoiler e le molte piccole migliorie aerodinamiche (minigonne, spoiler superiore e qualche altro dettaglio) contribuiscono a ridurre in modo notevole i fruscii, a questo si associano gli specchi e gli scalini quasi completamente carenati. Ricordo che le ultime migliorie hanno importanti effetti (circa l’1%) sui consumi. Il secondo aspetto riguarda la frenatura, veramente notevole. Di per se un 12,5 litri con 290 kW a 2.400 giri/min forse non è eccezionale, ma l’abbinamento con l’intarder leggero (raffreddato dal circuito di raffreddamento) è fenomenale: basta impostare la velocità è il veicolo si comporta automaticamente anche in frenata, scalando opportunamente. Rarissimo il ricorso ai freni meccanici.

La sala motori
La sala motori
MAN TGX18.480 Euro 6
Per i rabbocchi

 

Scheda tecnica

 

MAN TGX 18.480 Euro 6

Cilindri:                     6 cil. in linea

Alesaggio/Corsa:      126 x 166 mm

Cilindrata:                 12.419 cm3

Potenza a:                 353 kW (480 CV)

a 1.700-1.800 giri/min

Coppia max.              2.300 Nm (234,5 kgm)

tra 930 e 1.400giri/min

Emissioni:                  Euro 6

Cambio:                     TipMatic 12 AS 2131

Rapporti:                   12 rapporti + RM

Apertura:                  15,86:1

Retarder                    Intarder ZF

Freno Motore:           290 kW + Intarder 600 kW

Rapporto ponte:       2,71:1

Pneumatici:               315/70 R 22,5 Michelin

Sosp. Ant.:                  monofoglia parabolica

Sosp. Post.:                quattro soffietti pneu.

Serbatoio base:         500 litri + 80 di AdBlue

Passo:                        3.600 mm

Tara:                          7,4 t circa senza ruota di scorta

MTC:                          44 t –

Cabina:                      XXL a larghezza piena

Letti:                          2

On the road
On the road