Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4×2 MNA

0
460

Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4×2 MNA. L’8 a V di questo mitico Scania scende dritto dritto dal fratellone da 730 cavalli e 16,4 litri. È la scuola del Grifone per i motori modulari. Grazie al design fatto di piccole correzioni, ai propulsori, esiste anche declinato in 520 Cv, abbatte i consumi dell’8%. Lo Stremline è spinto dall’unico V8 in Euro 6 esistente sul mercato, basato sulla piattaforma da 16,4 litri introdotta con la versione da 730 Cv. Il motore da 580, o 520 Cv, offre una capacità di trazione portentosa già a un basso numero di giri. In particolare le prestazioni del nuovo V8 Euro 6 da 580 CV sono simili a quelle dell’Euro 5 da 620, grazie al mantenimento della coppia massima in una più ampia fascia di regimi e alla generosa curva di potenza. Inoltre il consumo di carburante di un V8 Euro 6 è equivalente a quello di un Euro 5.

Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4x2 MNA
Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4×2 MNA
Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4x2 MNA
Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4×2 MNA
Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4x2 MNA
Scania Streamline R580 Cv V8 LA 4×2 MNA

La cabina Topline dello Scania Streamline si accompagna a una nuova gamma di sedili Scania di qualità, sono firmati Recaro, che rappresenta l’ultima evoluzione per quanto riguarda il comfort del veicolo. I sedili possono essere regolati in tutte le direzioni e possono essere ordinati con una ventilazione a due livelli. Offrono il meglio in termini di comodità e di look, abbinati a un’ergonomia di ultima generazione. Sono disponibili in tessuto color sabbia chiaro o scuro oppure in pelle. Il nuovo Streamline include la radio Scania, con le connessioni optional per la navigazione satellitare, Bluetooth, AUX, USB e scheda SD. Il tutto su uno schermo da 4 pollici. Il telecomando per le sospensioni ad aria consente di migliorare la gestione del telaio, sia dall’interno che dall’esterno della cabina. L’autista così impiega meno tempo per regolare l’altezza del telaio e più tempo alla guida. Il telecomando elettronico ha quattro tasti di memoria. Offre due livelli di prestazione – base e veloce – quest’ultimo adatto per applicazioni che richiedono il frequente azionamento del sistema di sospensioni. La plancia offre a colpo d’occhio e con il tradizionale rigore nordico tutto a portata di mano e con tutte le informazioni utili raccolte nel monitor centrale. Nulla è disposto ‘a caso’. Sul volante i comandi per la radio, la velocità di marcia impostata e il computer di bordo. Sulla palpebra la radio con navigatore, la grossa leva del freno di stazionamento, il climatizzatore sotto la radio, il controllo del flusso dell’aria e il tasto del controllo di corsia. Un poco celato, sulla sinistra dietro il volante, il pulsante per la rigenerazione del Dpf. Non manca il tasto per le partenze in salite: l’hill-hold rimane attivo per 3 secondi dopo il rilascio del pedale del freno, dando il tempo per partire agevolmente anche in pendenza.

La plancia offre a colpo d’occhio e con il tradizionale rigore nordico tutto a portata di mano e con tutte le informazioni utili raccolte nel monitor centrale. Nulla è disposto ‘a caso’. Sul volante i comandi per la radio, la velocità di marcia impostata e il computer di bordo. Sulla palpebra la radio con navigatore, la grossa leva del freno di stazionamento, il climatizzatore sotto la radio, il controllo del flusso dell’aria e il tasto del controllo di corsia. Un poco celato, sulla sinistra dietro il volante, il pulsante per la rigenerazione del Dpf. Non manca il tasto per le partenze in salite: l'hill-hold rimane attivo per 3 secondi dopo il rilascio del pedale del freno, dando il tempo per partire agevolmente anche in pendenza.
Sull’altro lato, sempre del volante, il cuore dello Scania: la leva del cambio Opticruse, nato nel 1995, per le 3 modalità di guida Normale, Eco e Power (ma c’è pure l’Off road per i cava) con la Scania Active Prediction. Che offrono un controllo totale della catena cinematica per ottenere risparmi di carburante dell’ordine del 5%, che sommati a quelli offerti dalle nuove linee esterne e ai ‘corsi di guida’ portano il risparmio totale verso l’8%. L’Active Prediction (presentato nel 2011) utilizza il GPS e i dati topografici per regolare con precisione la velocità di crociera. È completamente integrato nelle nuove funzioni, e utilizza diverse strategie di risparmio del carburante in varie modalità operative.
La plancia offre a colpo d’occhio e con il tradizionale rigore nordico tutto a portata di mano e con tutte le informazioni utili raccolte nel monitor centrale. Nulla è disposto ‘a caso’. Sul volante i comandi per la radio, la velocità di marcia impostata e il computer di bordo. Sulla palpebra la radio con navigatore, la grossa leva del freno di stazionamento, il climatizzatore sotto la radio, il controllo del flusso dell’aria e il tasto del controllo di corsia. Un poco celato, sulla sinistra dietro il volante, il pulsante per la rigenerazione del Dpf. Non manca il tasto per le partenze in salite: l'hill-hold rimane attivo per 3 secondi dopo il rilascio del pedale del freno, dando il tempo per partire agevolmente anche in pendenza.
La plancia offre a colpo d’occhio e con il tradizionale rigore nordico tutto a portata di mano e con tutte le informazioni utili raccolte nel monitor centrale. Nulla è disposto ‘a caso’. Sul volante i comandi per la radio, la velocità di marcia impostata e il computer di bordo. Sulla palpebra la radio con navigatore, la grossa leva del freno di stazionamento, il climatizzatore sotto la radio, il controllo del flusso dell’aria e il tasto del controllo di corsia. Un poco celato, sulla sinistra dietro il volante, il pulsante per la rigenerazione del Dpf. Non manca il tasto per le partenze in salite: l’hill-hold rimane attivo per 3 secondi dopo il rilascio del pedale del freno, dando il tempo per partire agevolmente anche in pendenza.
La plancia offre a colpo d’occhio e con il tradizionale rigore nordico tutto a portata di mano e con tutte le informazioni utili raccolte nel monitor centrale. Nulla è disposto ‘a caso’. Sul volante i comandi per la radio, la velocità di marcia impostata e il computer di bordo. Sulla palpebra la radio con navigatore, la grossa leva del freno di stazionamento, il climatizzatore sotto la radio, il controllo del flusso dell’aria e il tasto del controllo di corsia. Un poco celato, sulla sinistra dietro il volante, il pulsante per la rigenerazione del Dpf. Non manca il tasto per le partenze in salite: l'hill-hold rimane attivo per 3 secondi dopo il rilascio del pedale del freno, dando il tempo per partire agevolmente anche in pendenza.
La plancia offre a colpo d’occhio e con il tradizionale rigore nordico tutto a portata di mano e con tutte le informazioni utili raccolte nel monitor centrale. Nulla è disposto ‘a caso’. Sul volante i comandi per la radio, la velocità di marcia impostata e il computer di bordo. Sulla palpebra la radio con navigatore, la grossa leva del freno di stazionamento, il climatizzatore sotto la radio, il controllo del flusso dell’aria e il tasto del controllo di corsia. Un poco celato, sulla sinistra dietro il volante, il pulsante per la rigenerazione del Dpf. Non manca il tasto per le partenze in salite: l’hill-hold rimane attivo per 3 secondi dopo il rilascio del pedale del freno, dando il tempo per partire agevolmente anche in pendenza.

Non cambiare che ti passa

Sull’altro lato, sempre del volante, il cuore dello Scania: la leva del cambio Opticruse, nato nel 1995, per le 3 modalità di guida Normale, Eco e Power (ma c’è pure l’Off road per i cava) con la Scania Active Prediction. Che offrono un controllo totale della catena cinematica per ottenere risparmi di carburante dell’ordine del 5%, che sommati a quelli offerti dalle nuove linee esterne e ai ‘corsi di guida’ portano il risparmio totale verso l’8%. L’Active Prediction (presentato nel 2011) utilizza il GPS e i dati topografici per regolare con precisione la velocità di crociera. È completamente integrato nelle nuove funzioni, e utilizza diverse strategie di risparmio del carburante in varie modalità operative. Vediamo come. Tutte le modalità di marcia sono controllate con il collarino sulla leva Opticruise e la modalità inserita è indicata dallo display centrale nel cruscotto. Il collarino controlla anche lo Scania Retarder (se montato) a 5 scatti, con freno motore sull’ultimo scatto. La modalità Standard è progettata per garantire una buona economia dei consumi offrendo al contempo buone prestazioni in salita. Il sistema cerca di mantenere la massima coppia in salita. Lo Scania Active Prediction, integrato nella funzione, aumenta leggermente la velocità per ottenere lo slancio necessario in salita. Mentre all’approssimarsi di una discesa il motore va al minimo per risparmiare carburante e guadagna velocità in discesa solo con lo slancio. Il sistema funziona in un range di velocità del 6% inferiore e del 4% superiore alla velocità di crociera impostata.

La modalità Economy viene impostata per consumare il meno possibile con qualche allungo sui tempi di arrivo. Il motore ‘ronfa’ senza strappi. Possono essere scelte impostazioni alternative del limitatore di velocità di 85 o 80 km/h, che si attivano passando alla modalità Economy. Lo Scania Active Prediction utilizza una speciale strategia di economia. Il range di velocità va dal 12% al di sotto della velocità di crociera fino alla velocità di crociera impostata. In modalità Economy lo scostamento minimo regolabile per il controllo della velocità in discesa con il retarder è di 5 km/h al di sopra della velocità di crociera (3 km/h in altre modalità). La modalità Power è per chi ha fretta. La risposta del V8 è aggressiva e le prestazioni in salita sono ottimizzate con il motore alla massima potenza e con cambiate più rapide. L’Activeb Prediction si stacca, ma resta e il controllo della velocità di crociera. La modalità Off-road offre una spinta morbida del motore per favorire un avanzamento fluido e regolare. Il sistema cerca di tenere innestata la frizione il più a lungo possibile per evitare di interrompere l’erogazione di potenza e, quindi, la trazione. Il numero di cambi di marcia viene ridotto al minimo consentendo al motore di lavorare in una più ampia fascia di regimi. I cambi sono più rapidi e viene data priorità alla velocità d’innesto piuttosto che al comfort. Lo Scania Active Prediction non è attivo, il controllo della velocità si. All’acquisto dello Streamline si possono scegliere fra la versione completamente automatizzata e quella con il pedale della frizione, a comando elettroidraulico. Le 3 modalità operative sono disponibili per entrambe le versioni. Altra peculiarità sono le batterie a 24 Volt, 4 per la precisione che sostituiscono le tradizionali 2 da 12 Volt. Le due batterie di servizio al gel sono adatte a cicli di maggior scarica. Esse alimentano tutte le utenze del veicolo – luci, funzioni dell’allestimento, riscaldamento ecc. – che sono pertanto tenute del tutto separate dal circuito di avviamento. L’intera configurazione a quattro batterie con due tipi diversi è più compatta di un tradizionale sistema a 2 batterie. Nella maggior parte dei casi possono alloggiare nel normale vano batteria sul lato sinistro del telaio.

Scania
Motore Turbo VGT Intercooler con EGR+SCR Iniezione Commonrail Bosch Tipo DC16 102 580 Cilindrata 16.350 cm3 Coppia 2.950 Nm a 1.000-1.350 giri/min Potenza 580 CV (427 wW) a 1.900 giri/min Alesaggio e corsa 130 x 154 mm Cilindri 8 a V Valvole 4 per cilindro Capacità coppa olio 43 l

DSC_0138 DSC_0141 DSC_0142 DSC_0143

Linee nuove

E lasciamo per ultime le novità più visibili agli occhi degli scanisti esperti. Sebbene i veicoli delle serie G ed R di Scania abbiano (vedi box) sempre sin dal lancio nel 1991 tenuto ben in evidenza gli plus aerodinamici di un design ricercato ad abbattere il CX i progettisti del Grifone hanno identificato nuovi aspetti su cui intervenire per ridurre significativamente la resistenza dell’aria. Le migliorie riguardano gli spigoli della cabina, ora smussati per trasmettere il flusso d’aria ai fianchi con la minima resistenza possibile e con in più un deflettore collocato appena sopra i gruppi ottici anteriori che crea un flusso mirato di aria e tiene pulita la zona della maniglia di apertura.

Il deflettore è adattato alle diverse altezze delle cabine della serie G e R. Sui V8 il deflettore presenta un inserto cromato che completa gli altri dettagli di stile dei V8. L’aria entra sopra il gruppo ottico e viene forzata a creare una turbolenza che genera una barriera contro gli spruzzi.

Anche il parasole migliora il flusso d’aria e rende la linea del veicolo più affusolata. Altre modifiche stilistiche sul frontale includono nuovi gruppi ottici con differenti mascherine, indicatori a LED, che consentono di risparmiare 30 litri di carburante all’anno e garantiscono una lunga durata di servizio e affidabilità; e luci di marcia diurna. Fra le opzioni sono inclusi fari H7 e allo xeno, con H7 standard in Europa per le serie G e R.

Sotto la mascherina gli accessi per la manutenzione ordinaria di liquidi e olio. Da notare l’ampio radiatore e la bancata del turbo. Il propulsore ha un alesaggio/corsa di 130 x 154 millimetri e una cilindrata di 16.350 cm3.
Sotto la mascherina gli accessi per la manutenzione ordinaria di liquidi e olio. Da notare l’ampio radiatore e la bancata del turbo. Il propulsore ha un alesaggio/corsa di 130 x 154 millimetri e una cilindrata di 16.350 cm3.

La storia si ripete

In occasione del suo 100° anniversario nel 1991, Scania lanciava lo Streamline, un veicolo della serie 3 di Scania in cui si prestava particolare attenzione al flusso dell’aria e all’aerodinamica della cabina R alta. Il coefficiente di attrito era stato ridotto del 12-15% con consumi inferiori del 4-5%. Fu introdotta una gamma completa di motori Euro 1 in anticipo sulla legislazione. La tecnologia turbocompound debuttò con il motore 11 litri da 400 CV. Il V8 da 14,2 litri fu presentato nella versione da 500 CV. Fu lanciata una nuova generazione di cambi (a 8, 9, 12 e 14 rapporti con e senza primini). Questi cambi spianarono il terreno a due altre innovazioni Scania che divennero di riferimento nel settore negli anni successivi. Lo Scania Retarder fu presentato nel 1993, con impianto freni integrato e controllo automatico della velocità in discesa mediante il pedale del freno o la leva sul cruscotto. Il cambio automatico fece grandi passi avanti con Scania Opticruise, che fu lanciato insieme alla serie 4 di Scania nel 1995. La serie 3 Scania Streamline rimase in produzione sino all’introduzione della serie 4 con ulteriori perfezionamenti aerodinamici nel 1995.

Scheda scania R580

Motore          Turbo VGT Intercooler con EGR+SCR

Iniezione        Commonrail Bosch

Tipo   DC16 102 580

Cilindrata     16.350 cm3

Coppia          2.950 Nm a 1.000-1.350 giri/min

Potenza         580 CV (427 wW) a 1.900 giri/min

Alesaggio e corsa     130 x 154 mm

Cilindri          8 a V

Valvole          4 per cilindro

Capacità coppa olio 43 l

Capacità serbatoio carburante     600l

Capacità serbatoio urea     80 dm3

Rapporto di compressione 17.4

Rapporto cambio/ponte    13,28-0,80/3,08:1

Freno motore automatico  320 kW a 2.400 giri/min

Livello di rumorosità          80 dBA

Cambio         GRSO905R 14+2 velocità

Riduttore                 integrato con Retarder R4100

Rapporto al ponte   2:59

Rapporto di sterzo 17-20:1

Altezza ralla 1.150 mm

Raggio di sterzata cordolo 6.757 mm

Altezza del telaio anteriore            890 mm

Altezza del telaio posteriore          951 mm

Passo             3.600 mm

Altezza senza spoiler          3.885 mm

Lunghezza    5.958 mm

Larghezza     2.550 mm

Altezza porta posteriore     1.840 mm

Pneumatici   Michelin Savergreen 315/80 R22.5 XF

Angoli di sterzata LH interno        48°

Angoli di sterzata LH esterno        34,1

Cabina          Top Line

Tara   7.834 kg

Peso complessivo    44.000 kg

Numero di telaio     2086025

Sospensioni anteriori         balestre paraboliche

Sospensioni posteriori        pneumatiche a 4 soffietti

Freni a disco con ESP e EBS quello di stazionamento

a comando pneumatico su entrambi gli assi

Freno ausiliario freno motore 320 kW,

retarder 3.500 Nm

Sotto la mascherina gli accessi per la manutenzione ordinaria di liquidi e olio. Da notare l’ampio radiatore e la bancata del turbo. Il propulsore ha un alesaggio/corsa di 130 x 154 millimetri e una cilindrata di16.350 cm3.

Fari allo Xeno, minigonne, angolari profilati, luci a led, parasole modificato tutto concorre nel nuovo Streamline ad abbattere i consumi di carburante. Se in più si aggiungono i corsi di guida e lo Scania Active Predictive Cruise il risparmio è assicurato.