VW al Salone di Detroit

VW al Salone di Detroit

VW al Salone di Detroit. Il punto del Ceo Matthias Müller. Che ha affermato che i 9,93 milioni di veicoli consegnati ai clienti in tutto il mondo rappresentano una performance stabile. Negli Stati Uniti, i dati riferiti alle consegne sono anche leggermente incrementati, attestandosi a circa 600.000 veicoli. Il CEO ha espressamente ringraziato i clienti statunitensi per la loro fiducia in questo momento difficile.

Da parte sua, Volkswagen conferma i già annunciati programmi di espansione delle proprie attività in Nord America. Dopo aver investito più di 1 miliardo di dollari nell’impianto di Chattanooga, Tennessee, il Gruppo Volkswagen pianifica di destinare ulteriori 900 milioni di dollari alla produzione del nuovo SUV medio per il mercato americano, il cui inizio è pianificato entro la fine dell’anno. Volkswagen creerà così circa 2.000 nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti.

Anche la produzione della Audi Q5 a San José, Messico, prenderà il via in primavera, come previsto. Porsche Cars North America ha inaugurato l’anno scorso il suo nuovo quartier generale e il Customer Experience Center ad Atlanta, Georgia, con un investimento di 100 milioni di dollari. Un ulteriore elemento della strategia del Gruppo in Nord America è la versione lunga della nuova Tiguan, che dovrebbe uscire dalla linea dell’impianto di Puebla, Messico, a partire dal 2017. Tuttavia, Müller ha ammesso che “Volkswagen deve approfondire ulteriormente la propria conoscenza degli Stati Uniti”. Il nuovo Centro di Sviluppo di Chattanooga contribuirà a raggiungere questo obiettivo.

Riconquistare la fiducia sarà l’obiettivo principale del Gruppo Volkswagen per il 2016, ha affermato Müller, e ciò si traduce non solo nelle soluzioni tecniche per i veicoli interessati dalla tematica emissioni, ma anche nel ricostruire la credibilità, in particolare facendo piena chiarezza su quanto accaduto. Il CEO ha inoltre ribadito che il Gruppo Volkswagen subirà un sostanziale riallineamento in termini di struttura e cultura, e la strategia futura, che sarà presentata a metà 2016, fornirà risposte alle sfide principali per l’industria automobilistica. L’obiettivo del Gruppo Volkswagen è quello di contribuire a dare forma al futuro della mobilità, con coraggio e determinazione. A questo proposito, tra le altre cose, è prevista un’offensiva sul fronte della digitalizzazione. Inoltre, entro il 2020 il Gruppo commercializzerà in totale 20 veicoli elettrici e ibridi plug-in. Riassumendo, Müller ha dichiarato: “Adesso vedo una grande opportunità per entrare in una nuova era della mobilità – e per dar vita a una nuova e ancora più forte Volkswagen”.

Volkswagen conferma i già annunciati programmi di espansione delle proprie attività in Nord America. Dopo aver investito più di 1 miliardo di dollari nell’impianto di Chattanooga, Tennessee, il Gruppo Volkswagen pianifica di destinare ulteriori 900 milioni di dollari alla produzione del nuovo SUV medio per il mercato americano, il cui inizio è pianificato entro la fine dell’anno. Volkswagen creerà così circa 2.000 nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti.
Volkswagen conferma i già annunciati programmi di espansione delle proprie attività in Nord America. Dopo aver investito più di 1 miliardo di dollari nell’impianto di Chattanooga, Tennessee, il Gruppo Volkswagen pianifica di destinare ulteriori 900 milioni di dollari alla produzione del nuovo SUV medio per il mercato americano, il cui inizio è pianificato entro la fine dell’anno. Volkswagen creerà così circa 2.000 nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti.